Sequestrato esemplare di Pinna nobilis presso la Spiaggia di Barbarossa

Di Capitaneria di porto di Portoferraio

Porto Azzurro

Condividi

Il giorno 4 agosto 2019 personale della Capitaneria di porto di Portoferraio e dell’Ufficio Locale marittimo di Porto Azzurro, grazie alla segnalazione pervenuta dalla Polizia Municipale di Porto Azzurro, ha provveduto al sequestro penale presso la spiaggia di Barbarossa, di un esemplare di “nacchera” (Pinna Nobilis), specie appartenente a fauna selvatica marina sottoposta a particolare tutela.

Il bivalve è stato rinvenuto sulla spiaggia di Barbarossa probabilmente asportato dal mare da villeggianti e non è stato possibile nell’immediatezza procedere al suo rigetto in mare, essendo lo stesso privo del mollusco interno.

Informata l’Autorità giudiziaria, sono in corso gli accertamenti del caso, anche grazie ad alcune riprese video, per risalire agli autori materiali del prelievo.

Con l’occasione La Capitaneria di porto di Portoferraio ricorda che la Pinna nobilis è una specie classificata come a rischio di estinzione essendo un mollusco minacciato dalla raccolta a fini collezionistici. La Pinna Nobilis, che è il più grande mollusco bivalve del Mar Mediterraneo, un tempo molto diffuso sui fondali sabbiosi dell’arcipelago toscano, rientra infatti tra le specie di interesse comunitario che richiedono una protezione rigorosa e la sua raccolta può essere autorizzata per soli scopi scientifici.

Si raccomanda pertanto a tutti i turisti di informarsi sempre adeguatamente e preventivamente su quanto possibile effettuare durante le proprie vacanze anche per evitare inconsapevoli manomissioni del delicato equilibrio dei nostri mari. 
 

Indietro domenica 11 agosto 2019 @ 07:45 © Riproduzione riservata

Commenta l'articolo

Attenzione: i commenti sono soggetti a moderazione. Un moderatore deve approvare il commento inserito prima che esso venga visualizzato.

blog comments powered by Disqus