Isola di Giannutri, sub volontari puliscono i fondali grazie al Progetto GIREPAM

Continua l’impegno dell’Ente Parco Nazionale Arcipelago Toscano contro l’abbandono di rifiuti in mare.

Isola di Giannutri

Condividi

Continua l’impegno dell’Ente Parco Nazionale Arcipelago Toscano contro l’abbandono di rifiuti in mare. Sabato 7 settembre a Giannutri si è svolta una pulizia di fondali per sensibilizzare la cittadinanza sulle buone pratiche per ridurre il consumo di plastica e prevenire l’abbandono di rifiuti. L’attività è prevista e finanziata con il progetto Girepam, del quale il PNAT è soggetto partner con capofila la Regione Sardegna.

Circa 100 subacquei, accompagnati e coordinati da alcuni centri sub del Giglio e dell’Argentario, hanno lavorato a Cala Volo di Notte, un’area già conosciuta per la presenza di molti rifiuti sommersi. Presenti con il Vice presidente del Parco Stefano Feri, la Dott.ssa Giannini, biologa dell’Ente Parco e gli uomini della Capitaneria di Porto, della Guardia di Finanza e del Reparto Carabinieri Parco, per consentire lo svolgimento in sicurezza delle operazioni.

Appena discesi sul fondo la situazione è sembrata piuttosto impegnativa: decine e decine di bottiglie di vetro, sprofondate sul sedimento a circa 25 metri di profondità; più vicino a riva molta plastica, cordame ed altri oggetti che non si immaginerebbe poter ritrovare: bombole, copertoni, tubi metallici. Con pazienza gli operatori hanno posizionato i materiali in piccoli sacchi e in cassette collocate sul fondo dalle barche di appoggio e gli equipaggi, dopo aver selezionato i rifiuti per tipologia, li hanno racchiusi in grandi big bags. I materiali trasferiti presso l’Isola del Giglio, circa 600-700 kg di vetro, 200-300 kg di plastica, oltre a vari materiali metallici, sono stati presi in carico da una ditta specializzata per lo smaltimento. A Giannutri è stato fatto un piccolo passo, con l’impegno di tante persone, e molto sarà da fare. Occorre sempre tener presente che la plastica nel Mediterraneo è la fonte principale di inquinamento e di impatto sugli habitat e sul biota. 

E’ importante stimolare l’attività virtuosa delle amministrazioni locali nel ridurre gli imballaggi in plastica e in durre comportamenti individuali corretti che compongono un tassello nel ciclo di consumo, utilizzo e riutilizzo di questi materiali.

Indietro lunedì 9 settembre 2019 @ 17:39 © Riproduzione riservata

Commenta l'articolo

Attenzione: i commenti sono soggetti a moderazione. Un moderatore deve approvare il commento inserito prima che esso venga visualizzato.

blog comments powered by Disqus