Progetto alternanza scuola-lavoro ISIS “Foresi” - “BIOLOGIA MARINA” A.S. 2019/2020

Di Lo staff del Centro di Biologia Marina Bioasis “Gianfranco Coletti” (Circolo subacquei Teseo Tesei di Portoferraio)

Portoferraio

Condividi

BIOASIS, il Centro di Biologia Marina FIPSAS G.Coletti del Circolo Subacquei Teseo Tesei di Portoferraio, si è impegnato per portare avanti un progetto di Alternanza Scuola - Lavoro riservato alle classi terze dell’a.s. 2019/2020 nell’ambito di una convenzione stipulata con l’Istituto Statale d’Istruzione Superiore “Raffaello Foresi” di Portoferraio.

L'alternanza scuola-lavoro, introdotta nel 2003, divenuta obbligatoria nel 2005 con il D.Lgs n.77 e ridefinita dalla legge n.107/2015, rappresenta una modalità di apprendimento mirata a perseguire le seguenti finalità come enunciato nell’Art.2 L.77/2005:
“Finalità' dell’alternanza:
a) attuare modalità di apprendimento flessibili e equivalenti sotto il profilo culturale ed educativo, rispetto agli esiti dei percorsi del secondo ciclo, che colleghino sistematicamente la formazione in aula con l'esperienza pratica;
b) arricchire la formazione acquisita nei percorsi scolastici e formativi con l'acquisizione di competenze spendibili anche nel mercato del lavoro;
c) favorire l'orientamento dei giovani per valorizzarne le vocazioni personali, gli interessi e gli stili di apprendimento individuali;
d) realizzare un organico collegamento delle istituzioni scolastiche e formative con il mondo del lavoro e la società civile, che consenta la partecipazione attiva dei soggetti nei processi formativi;
e) correlare l'offerta formativa allo sviluppo culturale, sociale ed economico del territorio.”

I percorsi sono infatti finalizzati oltre che all’acquisizione di competenze professionalizzanti fruibili nel mercato del lavoro, anche all’accrescimento di competenze di tipo trasversale e all’orientamento: è proprio qui che si è voluto concentrare il nostro staff del centro BIOASIS. Crediamo infatti che le attività svolte, diversamente da come accade in un’azienda vera e propria, abbiano mostrato a 360 gradi tutte le professionalità che operano all’interno del centro: il team di BIOASIS infatti è formato da persone volontarie, appassionate, ma soprattutto qualificate (medici, biologi, infermieri, istruttori di biologia/fotografia/sub/nuoto, ecc.) che mirano a divulgare la cosiddetta “cultura del mare”.
Durante il corso, che si è svolto nel mese di settembre/ottobre 2019, siamo stati costantemente supportati dalla Prof.ssa Carla Cremona, referente dell’Alternanza Scuola - Lavoro per l’Istituto Foresi di Portoferraio che ha favorito l’inserimento dei ragazzi all’interno del nostro centro che è così diventato in quei giorni un luogo d’apprendimento, un ambiente educativo complementare a quello dell’aula scolastica.
Il progetto si è articolato in un percorso suddiviso in lezioni di teoria in aula, esercitazioni esterne, osservazioni in laboratorio sia tramite microscopio ottico che con stereo-microscopio, ed elaborazione dei dati raccolti con gli studenti.
L’obiettivo principale è stato quello di stimolare nei ragazzi la passione nei confronti dell’osservazione scientifica dell’ambiente marino, con il fine ultimo di trasmettere loro, proprio attraverso la conoscenza, alcune regole fondamentali per la protezione del mare e per la salvaguardia ambientale.
Durante il corso sono stati affrontati i seguenti argomenti:
- introduzione alla biologia marina;
- caratteristiche dell’ambiente marino (con particolare riferimento al Mar Mediterraneo)
zonazione della costa e riconoscimento di specie vegetali e animali;
- dinamiche ecologiche e fisiche dei principali ambienti marini, come ad es. la prateria di Posidonia oceanica, la parete, la sabbia con descrizione delle specie più comunemente osservabili;
- meteorologia;
- cenni sull’attività ARA;
- il rispetto per l’ambiente in generale e salvaguarda del mare;
- sicurezza in mare e gestione delle emergenze.

Gli ultimi due punti sono stati trattati durante tutti gli incontri, ma ciò che è importante sottolineare è che ogni attività è sempre stata monitorata e preparata con la massima attenzione, in modo da fornire agli studenti la sicurezza necessaria, affinché le attività svolte risultassero prive di qualunque rischio ma allo stesso tempo rappresentassero un momento di crescita.
I ragazzi hanno risposto con interesse ed entusiasmo alle attività proposte e ai vari argomenti affrontati, soprattutto per le attività pratiche, come ad es. la costruzione del disco di Secchi, lo snorkeling, le prove di BLS e i nodi marinari.
“Ritengo che il progetto Bioasis sia stato molto coinvolgente, anche per chi non è molto appassionato al mare e alla sua flora e fauna. Il fatto che durante i corsi ci siano state uscite didattiche, come lo snorkeling, è stato molto bello ed incoraggiante. Svolgere attività sia pratiche che teoriche ha aiutato molto, rendendo il corso meno pesante e fissando i concetti teorici come ad es.: riconoscimento di fauna e flora marina sia attraverso osservazioni sul campo che al microscopio, funzionamento delle maree e dei venti, conoscere le leggi del codice della navigazione e i nodi marinari più usati, capire come tutelare le specie in via di estinzione, ecc…”, ha commentato Dennis Craciun, uno dei ragazzi che ha partecipato al progetto.
Di seguito il commento anche della Prof.ssa Carla Cremona, responsabile del progetto Alternanza Scuola-Lavoro per l’Istituto Foresi di Portoferraio: “L'entusiasmo è stato reciproco e non poteva essere diversamente, considerato che i ragazzi hanno avuto l'opportunità di esplorare e conoscere un mondo che, se pur per loro scontato, a tutti gli effetti non lo era. E' stato un momento di crescita non solo “tecnica” in quanto gli studenti hanno dovuto interagire in un ambiente nuovo, con regole proprie e con una organizzazione altamente professionale. Un grazie veramente di cuore ai docenti, tutti volontari, che si sono prodigati con passione, dedizione ed estrema scrupolosità a favore di questa piacevole e allo stesso tempo impegnativa “avventura”. Esperienza formativa da rifare assolutamente nel corso degli anni a venire!!!”.

L’esperienza per lo staff di BIOASIS è stata decisamente positiva e ci siamo sentiti parte di un progetto formativo importante per le nuove generazioni. La speranza è quella di aver contribuito ad arricchire il bagaglio formativo dei ragazzi che hanno partecipato al progetto, mettendo loro a disposizione alcuni strumenti orientativi. Per questo ci teniamo a ringraziare anche il Dirigente Prof. Enzo Giorgio Fazio per l’opportunità che ci ha offerto con questa impegnativa, quanto soddisfacente iniziativa.

Lo staff del Centro di Biologia Marina Bioasis “Gianfranco Coletti”
(Circolo subacquei Teseo Tesei di Portoferraio) 

Indietro martedì 5 novembre 2019 @ 13:10 © Riproduzione riservata

Commenta l'articolo

Attenzione: i commenti sono soggetti a moderazione. Un moderatore deve approvare il commento inserito prima che esso venga visualizzato.

blog comments powered by Disqus