Luigi Lanera: "Pescatori di nuovo in mare a raccogliere rifiuti. Cosa aspetta il Comune di Portoferraio?"

Di Luigi Lanera

Portoferraio

Condividi

Cosa aspetta la nostra amministrazione per firmare? Mi rivolgo al nostro assessore all'ambiente del comune di Portoferraio che conosco come un vero ambientalista. Firmato in Regione il nuovo accordo con cinque comuni per fare squadra con i pescatori e tenere il mare pulito. La legge 'Salvamare' presto in Senato.

Di seguito riportiamo il comunicato dell'accordo:

E' stato siglato nella sede della presidenza della Regione Toscana in palazzo Strozzi Sacrati il protocollo d'intesa che rinnova il progetto sperimentale 'Arcipelago pulito' estendendolo ai Comuni di Livorno, Viareggio, Porto Santo Stefano e Porto Ercole sull'Argentario, Castiglione della Pescaia e Piombino. Obiettivo, continuare a coinvolgere i pescatori toscani, con oltre centocinque pescherecci attivi nei sei porti, nella raccolta della plastica che le reti tirano su insieme ai pesci. Plastica del cui smaltimento i pescatori dovrebbero farsi carico ma che grazie al progetto della Regione viene portata a terra e smaltita, con un incentivo agli stessi pescatori. Fino a ora ne sono stati raccolti 18 quintali e il progetto è stato preso a modello dall'Unione Europea e dalla legge 'Salvamare' che ha da poco avuto il via libera dalla Camera e ora è in attesa di essere discussa al Senato.

Dei 18 quintali di rifiuti fino a oggi raccolti in mare dai dodici pescherecci coinvolti fino a ora a Livorno nel progetto "Arcipelago pulito", il 20 per cento è risultato costituito da plastica riciclabile. Insomma i pescatori toscani continuano a essere l'avanguardia di chi vuole ripulire il mare, minacciato ormai da milioni di tonnellate di plastica che ogni anno finiscono alla deriva o sui fondali, anche quelli più lontani dagli insediamenti umani.

Il progetto coinvolge anche sponsor privati come Unicoop Firenze a cui ora si è aggiunta Unicoop Tirreno. Nella prima fase di "Arcipelago pulito", Unicoop Firenze aveva deciso di contribuire dando un incentivo ai pescatori con parte dei fondi ricavati dal centesimo che soci e clienti, per legge, pagano per i sacchetti biodegradabili della frutta e della verdura.

Tra i firmatari del progetto, oltre ai Comuni, ci sono anche il Parco Nazionale dell'Arcipelago Toscano, il Ministero dell'Ambiente, la Direzione Marittima della Toscana, l'Autorità di sistema del Mar Tirreno settentrionale e Legambiente.  

Indietro martedì 12 novembre 2019 @ 17:38 © Riproduzione riservata

Commenta l'articolo

Attenzione: i commenti sono soggetti a moderazione. Un moderatore deve approvare il commento inserito prima che esso venga visualizzato.

blog comments powered by Disqus