Stop a petardi e fuochi d’artificio, Capoliveri vieta l’accensione e l’uso di materiale pirotecnico dal 15 dicembre al 1 marzo

Il sindaco “Obbiettivo, la tutela dell’incolumità pubblica e della sicurezza urbana".

Capoliveri

L’amministrazione comunale di Capoliveri con l’ordinanza sindacale n. 110 del 13 dicembre 2019 ha disposto per il periodo compreso dal 15 dicembre al 1 marzo, il divieto di accensione, lancio e sparo di materiale pirotecnico nel centro abitato e nelle località di tutto il territorio comunale, nonché in presenza di persone ed animali.

Il provvedimento, come si legge nel testo dell’ordinanza, si è reso necessario per tutelare l’incolumità pubblica nonché ai fini di sicurezza urbana nel rispetto delle norme che regolano la convivenza civile.

E’ indubbio – commenta il Sindaco Andrea Gelsi – che durante il periodo natalizio spesso siano i minori ad adoperare in modo incontrollato materiale pirotecnico senza adottare quelle misure necessarie ad evitare pericoli e danni diretti o indiretti all’integrità fisica delle persone e degli animali. Questo provvedimento interviene proprio per evitare tutto questo

Non si esclude – spiegano dal Comune di Capoliveri – l’impiego di prodotti meno invasivi e pericolosi quali ad esempio quelli che valorizzano i giochi di luce e che producono effetti scenici gradevoli e meno dirompenti, poiché l’obiettivo è tutelare la salute e la sicurezza pubblica.

Eventuali deroghe all’uso di fuochi d’artificio, sparo di petardi, scoppio di mortaletti e lancio di razzi nelle rispetto della normativa vigente, come precisato nel provvedimento sindacale, potranno essere concesse dall’amministrazione comunale su richiesta scritta e motivata, nell’ambito della tenuta di particolari eventi e manifestazioni.

Comune di Capoliveri

Indietro venerdì 13 dicembre 2019 @ 15:17 © Riproduzione riservata

Commenta l'articolo

Attenzione: i commenti sono soggetti a moderazione. Un moderatore deve approvare il commento inserito prima che esso venga visualizzato.

blog comments powered by Disqus