Insabbiata la legge salva Isole Minori. Non siamo cittadini italiani di Serie B.

Di Romano Bartoloni

Isole Minori

Condividi
Foto dell'archivio

Grido di dolore di fine d’anno lanciato al Quirinale per lo stato di trascuratezza, di abbandono e di indifferenza verso le sorti di una popolazione elbana fiera di storia, di mestieri e di tradizioni. Schietta e determinata una intraprendente signora di Capoliveri, Roberta Madioni, si è appellata al presidente Mattarella con lettera pubblica diffusa dalla stampa locale per rompere il silenzio e l’oblio sulla vita grama di un’economia di sopravvivenza e senza prospettive per i giovani in “un luogo incantevole ma ahimè molto penalizzante per chi ci vive e con molte limitazioni di crescita culturale e professionale”.

Gli elbani, come tutti gli abitanti delle isole minori (74 le marine e 22 le lacustri e lagunari) non sono cittadini italiani di serie b. Sono tali e quali ai loro connazionali della terraferma con diritti identitari, civili e sociali paritari e costituzionalmente garantiti, ma nei fatti sono meno uguali degli altri perché diversamente dagli altri soffrono degli svantaggi della insularità con un peso insopportabile di disagi, disservizi, letargo invernale, collegamenti marittimi a singhiozzo, caro costo delle merci via mare, insomma sfavorevoli condizioni di vita e alla mercé delle invasioni turistiche mordi e fuggi. Il sistema Nazione non li avvicina come dovrebbe nello spirito della solidarietà nazionale, non li frequenta come se vivessero all’estero lontani mille miglia, anzi li discrimina praticamente dal resto del Paese tagliando le già magre risorse disponibili e riducendo la presenza territoriale dei suoi servizi. Persino una proposta di legge per la loro tutela e pari dignità è insabbiata da quasi un anno alla Camera dei deputati.

Incredibili e paradossali le vicende di questo ddl sulle isole minori, approvato dal Senato il 17 ottobre 2018 e subito inviato alla Camera dove si è arenato il 13 marzo dello scorso anno dopo un paio di audizioni di una mezza oretta ciascuna fra l’altro con l’Ancim, l’associazione Comuni delle isole minori presso la quale sono rappresentati anche i Sindaci elbani e che ha portato una serie di emendamenti. Forse è rimasta al palo perché abbonda di promesse impegnative da mantenere a cominciare da efficienti trasporti marittimi peraltro in mani private. Il provvedimento prevede uno stanziamento triennale di 120 milioni per assicurare all’universo isolano misure di sviluppo e di valorizzazione in tutti i campi (mobilità, sanità, scuola, giustizia, servizi pubblici ecc.) “al fine di superare il gap della insularità, di rafforzare la cosiddetta continuità territoriale, e di garantire la parità di condizione e di qualità della vita con i connazionali nel rispetto dell’art.3 della Costituzione”. 

Indietro giovedì 2 gennaio 2020 @ 16:01 © Riproduzione riservata

Commenta l'articolo

Attenzione: i commenti sono soggetti a moderazione. Un moderatore deve approvare il commento inserito prima che esso venga visualizzato.

blog comments powered by Disqus