Emergenza sanitaria con necessità di trasferimento paziente fuori dall'Isola in caso di eccezionale maltempo

Di Marcello Camici

Sanità

Leggo con molto piacere che l’azienda USL Toscana nord ovest adotta un nuovo protocollo che porta alla costituzione in tutti gli ospedali toscani di un cosidetto “team dell’emergenza intraospedaliera” .

Un protocollo di 180 pagine che si possono leggere sulla rete.

Già erano presenti su sito della regione toscana “Linee di indirizzo regionale per la gestione delle emergenze intraospedaliere 2019” ed ora pare il nuovo protocollo comporti quanto sopra ho letto.

Ma in questo nuovo protocollo come già in quello da tempo pubblicato sul sito internet della regione toscana niente sono riuscito a trovare per quanto riguarda il trattamento di una emergenza sanitaria intraospedaliera che necessiti di trasferimento del paziente in centro adeguatamente attrezzato in caso di eccezionale maltempo che rende impossibile il trasporto.

Alla luce di queste nuove notizie “team dell’emergenza intraospedaliera” costituito in ogni ospedale toscano sono andato sul sito internet dell’ospedale di Portoferraio ma niente sono riuscito a trovare su quali e quanti professionisti fanno parte.

Più in particolare sono andato a cercare notizie su cosa l’azienda prevede in caso di emergenza sanitaria che necessita di trasporto urgente in centro attrezzato impedito da eccezionale maltempo: situazione che su un’isola può non essere rara a verificarsi.

Ho solo letto quanto già noto e cioè che l’ospedale è collegato con gli altri della rete aziendale grazie al sistema del teleconsulto.

Vorrei fosse percepito dall’azienda che il mio scrivere non è dettato da polemica ma da reale interesse a sapere e conoscere cosa ha predisposto chi ha responsabilità dell’amministrazione sanitaria pubblica nella emergenza sanitaria con necessità di trasferimento di paziente fuori dall’isola in caso di eccezionale maltempo che ne impedisce il trasferimento.

Vivendo su un’isola dell’arcipelago toscano sono potenziale utente del Servizio Sanitario Toscano come molti altri.

Esiste una unità di crisi?

Se esiste, da quali e quanti professionisti è costituita?

Nell’ospedale di Portoferraio esiste un protocollo per questo tipo di emergenza?

Marcello Camici

Indietro venerdì 24 gennaio 2020 @ 09:49 © Riproduzione riservata

Commenta l'articolo

Attenzione: i commenti sono soggetti a moderazione. Un moderatore deve approvare il commento inserito prima che esso venga visualizzato.

blog comments powered by Disqus