Elba Rugby, i risultati del weekend

Di Elba Rugby

Rugby

Foto di Elba Rugby

Elba Rugby vs Etruria Piombino / Under 14
La squadra Elbana ha giocato un buon incontro che però non ha portato alla vittoria sperata.
La partita, terminata con il risultato di 43 a 52, è stata giocata in un costante equilibrio fra le due squadre. Gli elbani in vantaggio fino agli ultimi minuti di gioco subiscono due mete nel finale di partita che li portano alla sconfitta.
Molte le cose positive viste in campo, grande carica agonistica è grande determinazione. Un elogio a tutti ragazzi per il grande impegno visto durante tutta la durata della gara.
Questi gli elbani scesi in campo:
Carminelli, Coppo, Primaverile, Fortunati, Irgolino, Laaziri, Marcosanu, Pallini, Poch, Popov, Corsi, Serra, Troccolo, Tedesco, Trambusti, Volpe, Mibelli

Mascalzoni del Canale vs CUS Pisa Rugby / Under 16
Impegno casalingo sul campo di piombino:
Mascalzoni che giocano un buon rugby fin dal primo minuto impostando un buon ritmo e alternando gioco stretto e gioco a tutto campo. Di Chiara, schierato a N. 9 al posto dell’acciaccato Ercolani che parte dalla panchina, non delude e collega bene avanti e linee arretrate. La partita viene gestita con un buon margine di vantaggio e la tranquillità acquisita fa “eccedere” i Mascalzoni nel parlare con l’arbitro che non gradendo e applicando il regolamento punisce i padroni di casa con diversi calci di punizione e conseguente perdita di territorio e possessi palla. Buona prova degli avanti che con i soliti placcatori Castagnini e Buccini infrangono le ripartenze vicini ai punti d’incontro. Per i “back” si mettono in evidenza Lami e Gherardini che oltre a fare dei grandi break in attacco, placcano tutto quello che ha maglie differenti dalle loro. “Man of the match” il N. 8 Mibelli sempre presente in ogni fase del gioco. Una menzione a Scaffidi Daniele autore di una bellissima meta. Punteggio finale 31 a 15.
Atleti: Di Chiara, Scaffai, Lami, Gherardini, Altini, Andreini, Mibelli, Ercolani, Castagnini, Diversi, Fizzotti, Buccini, Batistoni, Testa, Vanni, Vichi, Uklala, Scaffidi, Larini.

Elba Rugby vs Firenze 1931 / Seniores
Partita molto difficile, al campo Andrea Scagliotti di Portoferraio, per i nostri ragazzi della seniores che si trovavano a giocare contro la formazione del Firenze, seconda in classifica, ma che avrebbe permesso ai padroni di casa di accorciare il divario tra le due squadre.
La partita inizia con una meta degli avversari che però non viene trasformata.
L’Elba però non demorde e dimostra una solida difesa nonostante un serie di azioni da parte del Firenze e appena acquisisce il possesso dell’ovale piazza un calcio di punizione, portando così la partita sul 3 a 5.
Punteggio che rimane invariato fino allo scadere del primo tempo quando l’ala dell’Elba rugby, Andrea Sanità, segna e trasforma la meta portando così il punteggio 10 a 5 per i nostri ragazzi.
Nel secondo tempo l’Elba ha voglia di vincere e con un altro calcio di punizione allunga sugli avversari. La partita, combattuta dal primo minuto, non cambia di intensità, con entrambe le squadre che lottano su ogni pallone, ma i ragazzi del Firenze, dimostrando una maggiore organizzazione, riescono a portarsi in meta senza trasformarla.
Al 70′ minuto viene fischiato un fallo a favore dell’Elba che decide di piazzare e grazie all’ottimo piede di Sanità permette di aumentare il distacco dagli avversari.
La partita rimane sul 16 a 10 per i padroni di casa, ma il Firenze aumenta il ritmo e dopo varie mischie e pick and go a 5 metri dalla linea di meta riesce a segnare all’ultimo minuto, e grazie alla trasformazione vincono l’incontro.
Nonostante la buona prestazione dei ragazzi dell’ elba e i notevoli miglioramenti in fase difensiva riamane un nota amara, rimaniamo però fiduciosi per il proseguimento di questo campionato.

Indietro mercoledì 5 febbraio 2020 @ 09:56 © Riproduzione riservata

Commenta l'articolo

Attenzione: i commenti sono soggetti a moderazione. Un moderatore deve approvare il commento inserito prima che esso venga visualizzato.

blog comments powered by Disqus