Tribunali nelle Isole Minori, la Lega interviene sul Decreto "Milleproroghe"

Di Gruppo Lega

Elba

Condividi
Foto dell'archivio

Con due sub-emendamenti all'emendamento 8.59 della maggioranza, la Lega- Salvini Premier interviene sul Decreto "Milleproroghe" in materia di posticipazione dei termini di sopravvivenza dei tribunali nelle isole minori, tra i quali quello di Portoferraio.

I due sub-emendamenti, presentati dall'Onorevole Manfredi Potenti (Lega-Salvini Premier), membro della II Commissione Giustizia, vogliono attirare l'attenzione del Governo e del Parlamento su questo delicato tema, proponendo un atto di coraggio, con il rinvio della data di chiusura al 2030 o al 2060.

Se infatti, la Ragioneria generale dello Stato ha dato parere positivo all'emendamento di maggioranza che fissa al 1 gennaio del 2023 la "dead line" della sopravvivenza di questi presidi della giustizia sulle isole, con questi emendamenti la Lega- Salvini Premier stimola il legislatore a considerare il problema nell'ottica di una riforma strutturale della geografia giudiziaria, partendo proprio dalle isole minori e dai presidi delle aree sensibili del Paese.

Con questi emendamenti andiamo a sostenere il diritto degli operatori e dei cittadini a vedere mantenuto nel tempo il diritto all'accesso ai servizi della giustizia anche sui territori svantaggiati, proseguendo un impegno che il partito a livello locale ha da tempo fatto suo con il responsabile per l'Isola d'Elba, Marco Landi. 

Indietro venerdì 7 febbraio 2020 @ 12:59 © Riproduzione riservata

Commenta l'articolo

Attenzione: i commenti sono soggetti a moderazione. Un moderatore deve approvare il commento inserito prima che esso venga visualizzato.

blog comments powered by Disqus