Luigi Lanera e i dubbi sulla convocazione del Consiglio Comunale di domani, lunedì 16 Marzo

Di Luigi Lanera

Portoferraio

Condividi
Luigi Lanera

Lettera aperta
Al Sindaco di Portoferraio
Al Presidente del Consiglio
Al Segretario Generale

Domani 16 marzo, viene portato in consiglio comunale l’approvazione del Bilancio consolidato, un documento economico lungo, spesso di difficile interpretazione tanto da richiedere la consulenza e le spiegazioni del dirigente di riferimento per capirne alcuni aspetti salienti, e fondamentali nell’interesse della città.

È per questo motivo che il Tuel, il testo unico degli enti locali, all’articolo 227 prevede che tutta la documentazione, provvista anche del parere del Revisore dei Conti, venga fornita alle opposizioni con un adeguato periodo di preavviso rispetto alla data di convocazione del consiglio comunale, nel caso in questione almeno 20 giorni pima. La conferenza dei capigruppo si è tenuta giovedì 12 marzo, solo dopo 5 giorni c’è stata la convocazione del consiglio comunale, in totale spregio delle normative di legge che, proprio in base alt Tuel non poteva essere convocato prima del 31 marzo. Si sta consumando quindi una atto palesemente illegale che non trova certo una sua giustificazione d’urgenza nell’epidemia che sta funestando il nostro paese.

Tra i molti aspetti che vorrei aver avuto il tempo di chiarire, a pag. 15, 27, 30 e 35 del documento, si fa chiaramente riferimento ai debiti della società partecipata Cosimo de Medici, per i quali sarebbe stato opportuno un confronto con il dirigente dell’Area Economico Finanziaria visto che potrebbero finire sotto la lente d’ingrandimento della Corte dei Conti.

Nel manifestarle la mia disapprovazione per i metodi antidemocratici utilizzati in questa occasione, e nella preoccupazione per lo svolgimento di un Consiglio Comunale in locali che non mi risulterebbero né igienizzati né bonificati, le comunico che, per senso civico e per il rispetto dei cittadini che mi hanno accordato la loro fiducia, sarò presente adottando tutte le precauzioni del caso e invitando tutti i presenti a fare altrettanto.

Mi riservo inoltre il diritto di inviare questo documento, che chiederò sia messo agli atti, al Prefetto di Livorno affinché valuti l’eventuale illegalità di questo consiglio comunale.  

Indietro domenica 15 marzo 2020 @ 16:58 © Riproduzione riservata

Commenta l'articolo

Attenzione: i commenti sono soggetti a moderazione. Un moderatore deve approvare il commento inserito prima che esso venga visualizzato.

blog comments powered by Disqus