Confesercenti: assistenza al credito per le imprese in difficoltà. Ecco gli strumenti operativi Emergenza Coronavirus.

Di Confesercenti Provinciale di Livorno - Sede di Portoferraio

Confesercenti

L’Area Credito e Servizi Innovativi di Confesercenti, stante la grave situazione legata all’emergenza Coronavirus, garantisce la massima assistenza alle imprese in un momento particolarmente difficile e delicato.

I nostri consulenti – spiega Alessandro Ciapini direttore provinciale – sono al lavoro per fornire, insieme al Consorzio Italia Comfidi, l’assistenza e gli strumenti necessari per l’ottenimento delle garanzie primarie, controgarantite dal Fondo di Garanzia per le PMI, fino all’80%.

Le garanzie potranno accompagnare finanziamenti finalizzati a capitale circolante di durata massima 60 mesi (con preammortamento di 6 mesi), fino ad un massimo di € 150.000 o linee di credito in c/c di durata fino a 12 mesi, fino ad un massimo di € 50.000. 

Vi è anche la possibilità di intervenire su operazioni di allungamento della durata di finanziamenti in essere (moratoria ABI) qualora l’estensione della stessa non superi i 120 mesi (60 nel caso di assenza della controgaranzia del Fondo di Garanzia).

Potranno infine essere valutate operazioni di finanza agevolata a tasso zero e a fondo perduto, con una particolare attenzione ad ogni nuova misura che possa uscire a sostegno delle aziende colpite dall’attuale crisi;

“Senza liquidità non si va da nessuna parte – conclude Alessandro Ciapini – e le imprese non potranno rialzarsi da questa catastrofe. La ricerca di misure finanziarie per rimettere in moto il sistema è di importanza vitale per il nostro sistema produttivo”.

Potete chiamare i nostri uffici dalle 8,30 alle 13,00 0565/916231 o inviare una mail a info@confesercenti.li.it
 

Indietro giovedì 19 marzo 2020 @ 15:48 © Riproduzione riservata

Commenta l'articolo

Attenzione: i commenti sono soggetti a moderazione. Un moderatore deve approvare il commento inserito prima che esso venga visualizzato.

blog comments powered by Disqus