Interventi per l'economia elbana

Di Luigi Lanera - Consigliere Comunale di minoranza

Elba

Condividi
Luigi Lanera

Leggo l’articolo della Dott.ssa Roberta Madioni e trovo pienamente condivisibile attuare quanto prima una politica di investimenti sul territorio. Dare appalti in forma diretta alle piccole e medie imprese è basilare per generare lavoro, incrementare l’occupazione e risollevare l’economia. Il pubblico non può e non deve essere meramente assistenziale, perché le risorse ovviamente non sono inesauribili.

Si dovrà inoltre quanto prima attuare una politica unitaria a sostegno dell’imprenditoria turistica, come proposto da altri, organizzare un tavolo tecnico per analizzare i vari scenari che potranno presentarsi e valutare un sistema di defiscalizzazione per l’anno in corso. 

Ho letto inoltre il comunicato del Sindaco di Rio che cita il D.L. n. 34 del 30 aprile 2019 “Agevolazione per la promozione dell’economia locale mediante la riapertura e l’ampliamento di attività commerciali , artigianali e di servizi” a sostegno delle imprese. Tali agevolazioni possono essere richieste dagli imprenditori nel triennio 2020/2023 entro il 28 di febbraio di ogni anno.
Tale contributo, leggendo la Legge, è destinato a coloro che (imprese artigianali, di somministrazioni alimenti e bevande etc. un ampio spettro di attività ), nell’anno precedente sono stati chiusi per oltre 6 mesi ed intendono riaprire la propria attività. Dubbioso che possano rientrarci le attività di mera apertura stagionale. I fondi previsti che dovrebbero essere iscritti a bilancio dai Comuni, dovrebbero essere in misura pari ai tributi locali pagati dai soggetti richiedenti. Lo Stato eroga poi il rimborso direttamente agli Enti Locali. Ma la scadenza era il 28 febbraio scorso, quindi se il Comune di Rio intende comunque accettare le domande dovrà farsene carico nel proprio bilancio. Immagino che il Comune di Rio abbia una buona solidità finanziaria, ma pochi giorni dopo leggo che lo stesso Comune di Rio apre un conto corrente emergenza Covid 19 e chiede ai cittadini un obolo a sostegno delle famigli.

Torno a credere che serva una linea politica unitaria e coerente. Il Comune di Portoferraio ha accantonati 17 milioni di euro che sono rimasti bloccati negli anni per i vincoli finanziari posti dal Governo e Dall’Europa. Adesso che questi vincoli sono saltati è doveroso che siano messi a bilancio urgentemente per piccoli investimenti come suggerito dalla Dott.ssa Madioni, per la ripresa economica del nostro territorio. 

Vero è che lo scorso anno la linea condivisa, come indicato nel DUP (documento unico di programmazione) allegato al bilancio era preferire appalti unici di grossi importi per lo snellimento burocratico, ma ad oggi ritengo che tale linea debba essere rivista alla luce della nuova emergenza covid 19 affinchè gli investimenti vadano a beneficio delle numerose imprese operanti nel territorio.

Mi auguro che tutte le forze politiche di maggioranza e di minoranza della nostra isola condividano questo mio pensiero e/o siano altrimenti propositivi.
Se tale linea operativa dovrà essere condivisa dal Comune di Portoferraio sarò il primo a dare il mio voto favorevole ed il mio sostegno all’operato della maggioranza.

Luigi Lanera - Consigliere Comunale di minoranza  

Indietro sabato 4 aprile 2020 @ 09:47 © Riproduzione riservata

Commenta l'articolo

Attenzione: i commenti sono soggetti a moderazione. Un moderatore deve approvare il commento inserito prima che esso venga visualizzato.

blog comments powered by Disqus