Oggi siamo tutti eroi, ieri molti di noi erano incapaci

Scritto da un Operatore Sanitario.

Sanità

Condividi
Ospedale di Portoferraio - Foto dell'archivio

Non siamo eroi, siamo esseri umani a tutti gli effetti con paure, stanchezza, dolori e anche rimorsi. Il personale sanitario sono persone che cercano di fare bene il loro lavoro con impegno, dedizione e sì, anche con qualche sforzo straordinario e non le fa piacere leggere che un fantomatico Comitato di Partecipazione Zona ASL Elba che oggi, a titoloni sui giornali, ringrazia mentre non tanto tempo fa presentò alla Direzione Generale una lista quasi di proscrizione di medici da premiare e altri poco inclini a favori da confinare. Anche tanti infermieri che ora sono eroi come noi, in quella lista erano considerati pulisci culi.

Chiedo al Presidente di quella lista perché non avete fatto una paginata di biasimo quando l'ASL ha deciso con la scusa del COVID di impoverire ancora di più la sanità elbana come se fosse un qualcosa di non necessaria e di superfluo nel pianeta sanitario Toscano al punto di accorpare in un unico reparto medicina, chirurgia, ortopedia, ospedale di comunità e salute mentale? Nel nostro lavoro spesso ci troviamo a gestire situazioni non facili e spesso costretti a lavorare in condizioni pessime e con pochi strumenti.

Lo fate di proposito a ignorare che la politica Aziendale è una sciagura per l'isola e per noi medici e infermieri? (non possiamo denunciarlo apertamente pena il licenziamento) Vedere che per una appendicectomia si trasferisce il paziente in un altro ospedale fa male all'economia del sistema sanitario elbano e a noi che abbiamo studiato per curare e non per medicare una ferita dove altri sono intervenuti perché dopo l'intervento ci rimandano il paziente.

Non siamo eroi secondo le circostanze, noi vogliamo solo assistere le persone con il massimo dei mezzi e delle risorse che si possono avere non arrangiandoci continuamente mettendo a rischio noi stessi e sopratutto i nostri pazienti. Vogliamo essere giudicati da loro e non da un Comitato di Partecipazione che partecipa solo dietro precise indicazioni per non far conoscere che gli ambulatori in ospedale sono chiusi causa COVID così altre malattie sono state dimenticate e gli esami diagnostici di una certa rilevanza azzerati. Di quei servizi adeguati sul territorio non ho informazione. A volte però per qualcuno importante da visitare l'emergenza COVID non è la priorità.

Operatore Sanitario

Indietro domenica 3 maggio 2020 @ 19:32 © Riproduzione riservata

Commenta l'articolo

Attenzione: i commenti sono soggetti a moderazione. Un moderatore deve approvare il commento inserito prima che esso venga visualizzato.

blog comments powered by Disqus