Presentazione terna finalista del Premio letterario Isola d'Elba Raffaello Brignetti

Di Nadia Mazzei - Assessore alla Cultura e al Turismo Comune di Portoferraio

Portoferraio

Foto dell'archivio

Oggetto: 48^ edizione del Premio Letterario Internazionale Isola d’Elba – Raffaello Brignetti. Terna finalista.

Alla presenza dell’ Assessore alla cultura, Dr.ssa Nadia Mazzei, del Presidente della Giuria Letteraria Prof. Alberto Brandani e del Presidente del Comitato Promotore Prof. Giorgio Barsotti si è tenuta la mattina del 4 luglio presso il Comune di Portoferraio la presentazione della terna finalista dei libri partecipanti alla 48^ edizione del Premio Letterario Internazionale Isola d’Elba – Raffaello Brignetti- anno 2020

Le tre opere prescelte, che saranno adesso sottoposte al giudizio dei Giudici Lettori sono:

- Robert Ando’ – Il bambino nascosto – La Nave di Teseo
- Emilio Gentile – quando Mussolini non era il Duce – Garzanti
- Gian Mario Villalta – L’apprendista – SEM

Presidente della Giuria Letteraria ha così commentato: “è stato un lavoro molto proficuo e ringrazio tutti i colleghi della Giuria Letteraria per i numerosi scambi di idee, la disponibilità personale, il recepimento di valutazioni anche diverse che hanno consentito di individuare una terna di nomi di qualità e di spessore culturale.
Anche in questo caso i tre finalisti del Premio Elba Brignetti 2020 esemplificano bene lo spettro di potenzialità che la letteratura ci offre.”

Roberto Ando’ – Il bambino nascosto – La Nave di Teseo
Roberto Andò scrive un romanzo con il ritmo serrato di un giallo, ambientato in una Napoli ritrosa e segreta. Un incontro folgorante tra Gabriele Santoro professore di pianoforte al conservatorio San Pietro a Maiella di Napoli ed un bambino di 10 anni che si intrufola nel suo appartamento: sono mondi diversi, sentimenti contrapposti che ci raccontano l’imprevedibilità positiva dell’animo umano.

Emilio Gentile - Quando Mussolini non era il Duce – Garzanti
A marzo del 1912, il ventinovenne Benito Mussolini è solo un marxista di provincia. Appena quattro mesi dopo irrompe sulla scena nazionale, a capo della corrente rivoluzionaria che conquista la guida del partito socialista. Emilio Gentile racconta la storia di un Mussolini per molti aspetti sconosciuto: non rivoluzionario, non anticapitalista, e neppure «duce»: un politico isolato, che si autodefinisce «avventuriero di tutte le strade».

Gian Maria Villalta – l’Apprendista – SEM.
In una chiesa in un piccolo paese del nord est un uomo, Tilio, sta portando via i moccoli dei candelieri. Aspetta che arrivi Fredi il sacrestano. Così inizia il teatro di una coppia di personaggi che intesse nei pensieri, nei dialoghi e nei racconti un intreccio vertiginoso di vicende personali, desideri, rimpianti e paure che convocano la vita di tutto un paese, in una lingua che fa parlare la realtà vissuta.

La cerimonia di premiazione si terrà a Portoferraio Sabato 12 settembre p.v.

Nadia Mazzei
Assessore alla Cultura e al Turismo

Indietro lunedì 6 luglio 2020 @ 14:59 © Riproduzione riservata

Commenta l'articolo

Attenzione: i commenti sono soggetti a moderazione. Un moderatore deve approvare il commento inserito prima che esso venga visualizzato.

blog comments powered by Disqus