Sfondato il tetto del Coppedè: chi sta sotto è in pericolo

Ferrari e De Santi: “Qualcuno faccia qualcosa prima che sia troppo tardi”

Portoferraio

Foto da Claudio De Santi

“Siamo tutti Pasquini”. Una battuta, forse, visto il riscontro che stanno avendo le proteste dei cittadini contro l’attuale amministrazione comunale. Ma soprattutto una denuncia urgente a mezzo stampa, ed a farla sono due “pasquini” particolari, e cioè Mario Ferrari e Claudio de Santi, entrambi architetti, rispettivamente sindaco e assessore a Portoferraio fino al maggio 2019. E l’argomento è molto serio e urgentissimo: si tratta di Palazzo Coppede’. “Agli attenti osservatori - scrivono Ferrari e de Santi – come si può vedere dalle foto il palazzo in questione risulta, visto dall’alto, con tetto franato nelle travi portanti. Presumibilmente ha ceduto la trave portante mezzana. Ce ne siamo accorti oggi e subito lanciamo l’allarme. Sotto probabilmente (come ben si sa a Portoferraio da tempo) ci vive qualcuno, di cui nessuno dall’inizio di questo mandato amministrativo si è preoccupato. Non è che si aspetta una tragedia? Dopo il tentativo di sgombrarlo da parte della nostra amministrazione comunale, non certo per effettuare un blitz anti-immigrati come all’epoca fu detto ma per evitare una emergenza (sanitaria ma soprattutto strutturale) che invece si è già verificata, tutto è andato dimenticato come molte altre cose da parte della attuale Amministrazione. Cosa si aspetta ancora ad intervenire? L’assenza di iniziative degli attuali governanti ferajesi è forse provocata dalla paura di dover evacuare definitivamente la struttura fatiscente di Palazzo Coppedè e non saper dove sistemare le persone che vi trovano rifugio? Non c’è tempo per ulteriori esitazioni – concludono Ferrari e de Santi – quello che abbiamo rilevato è ancora più evidente viste le forti piogge previste in queste ora: qualcuno faccia qualcosa prima che sia troppo tardi”.

Indietro mercoledì 14 ottobre 2020 @ 19:41 © Riproduzione riservata

Commenta l'articolo

Attenzione: i commenti sono soggetti a moderazione. Un moderatore deve approvare il commento inserito prima che esso venga visualizzato.

blog comments powered by Disqus